Ultime News

Borsa di studio AIMC sulla Medicina delle Catastrofi per infermieri o medici

MAXIEMERGENZA 

Pubblicata il 23/06/16 16:33

Descrizione:
La borsa di studio è intitolata alla memoria del “Dott. Antonio Tommy Morra”.
Ha un valore minimo di euro 500,00 ed è unica e indivisibile.
E’ destinata ad un medico o un infermiere o un veterinario, diplomatosi negli anni accademici 2014-2015 ovvero 2015-2016 con dissertazione di Tesi di Laurea su argomento proprio della Medicina delle Catastrofi.
L’importo della borsa di studio è comprensivo di eventuali oneri fiscali, che restano comunque a carico del beneficiario.

Cosa fare:
La domanda potrà essere presentata dal momento della pubblicazione del bando fino al 15 ottobre 2016 utilizzando il modulo allegato ed anche disponibile presso la segreteria dell’AIMC.
Le domande valide pervenute nei termini utili verranno ordinate in una graduatoria sulla base dei punteggi attribuiti dalla Commissione Valutatrice.
Newsletter AIMC N° 6 anno 2016. Una commissione composta da esperti in Medicina delle Catastrofi, valuterà gli elaborati secondo criteri di valutazione di seguito specificati e comunicherà al Presidente il migliore elaborato. La commissione sceglierà la migliore tesi sulla base di punteggi attribuiti da ciascun commissario a specifiche prerogative prestabilite dal Consiglio Direttivo AIMC.
Sono esclusi dalla commissione i componenti del Consiglio Direttivo AIMC.
Non sono ammessi a partecipare i parenti dei componenti del Consiglio Direttivo AIMC.
Il presidente unitamente ai membri del Consiglio Direttivo formalizzerà la scelta.

Criteri di valutazione:

  1. interesse generale dell'argomento
  2. appropriatezza del tema generale
  3. novità degli argomenti
  4. interesse dell'argomento trattato
  5. esaustività dei temi trattati
  6. correttezza dei concetti
  7. chiarezza dell'esposizione
  8. capacità di sintesi
  9. appropriatezza della terminologia
  10. immagini e grafici inseriti

Il nominativo del vincitore, unitamente ai nominativi di quanti invieranno elaborati, verrà pubblicato sul sito internet dell’Associazione.
L'assegnazione della borsa di studio sarà comunicata al beneficiario con lettera o con l’e-mail indicata nel modulo di domanda.
La borsa sarà consegnata in occasione del Congresso Nazionale che si svolgerà a Forlì nei giorni 1-2 dicembre 2016.

Per maggiori informazioni clicca qui


Leggi news...

Protezione civile: a Firenze Forum internazionale sulla riduzione del rischio

PROTEZIONE_CIVILE 

Pubblicata il 11/06/16 21:32

L’Italia e il Comune di Firenze ospitano, nell’anno del cinquantennale dell’alluvione del 1966, un Forum di alto livello che riunirà ministri, sindaci ed esperti rappresentanti di realtà istituzionali, non governative o private per un confronto – organizzato in collaborazione con l’ufficio delle Nazioni Unite per la Riduzione del Rischio (UNISDR) – sull’implementazione della strategia di riduzione del rischio e resilienza a livello locale in caso di disastri naturali.

I lavori della due giorni saranno aperti, giovedì 16 alle 9, dal saluto del Sindaco di Firenze, Dario Nardella e dagli interventi del Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio da disastri Robert Glasser, del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti e di Ségolène Royal, Presidente del vertice di Parigi COP21 e Ministro dell’Ambiente francese. A moderare la sessione d’apertura sarà il Capo Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio.

Alle ore 10 è prevista una conferenza stampa in cui saranno illustrati ai media i temi e gli obiettivi del Forum, i cui lavori proseguiranno poi fino al pomeriggio del 17 giugno.

Il Forum mette la riduzione del rischio al centro dell’agenda globale in tema di cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile, promuovendo un’implementazione coerente a livello locale degli impegni assunti nel 2015, in particolare la Strategia per la riduzione del rischio da disastri naturali di Sendai (2015-2030),gli obiettivi di sviluppo sostenibile e l’accordo di Parigi sul cambiamento climatico.

L’agenda dei lavori, e ulteriori informazioni sul Forum (in inglese),sono consultabili alla pagina http://www.unisdr.org/conferences/2016/highlevelforum.

• Gli operatori dell’informazione interessati a seguire l’evento possono essere accreditati dalle rispettive testate inviando un’email che riporti nome, cognome, luogo e data di nascita, numero di tessera giornalistica, testata d’appartenenza e un numero di cellulare all’indirizzo accrediti@protezionecivile.it entro e non oltre le ore 14,00 del 14 giugno 2016.

• In particolare, gli operatori foto-video interessati potranno accedere al Salone dei Cinquecento per riprendere la sessione d’apertura del Forum, ritirando il proprio accredito la mattina stessa;

• Per la conferenza stampa sarà garantita la traduzione inglese-italiano;

• La stampa accreditata, oltre alla conferenza stampa, potrà seguire tutti i lavori del Forum (in inglese) da una sala dedicata;

• Per eventuali richieste di materiali d’approfondimento o di interviste scrivere a ufficio.stampa@protezionecivile.it o chiamare al numero 06.68202407.


Leggi news...

La Centrale 118 di Empoli-Pistoia gestirà le emergenze nazionali

MAXIEMERGENZA PROTEZIONE_CIVILE 

Pubblicata il 27/05/16 08:15

Il dipartimento Protezione civile nazionale ha individuato la centrale operativa del 118 di Empoli-Pistoia come riferimento per la Protezione civile nazionale.

Questo significa che, in caso di maxi emergenza, la centrale garantira’ i soccorsi sull’intero territorio nazionale. La scelta e’ caduta sulla centrale 118 di Empoli e Pistoia in virtu’ del fatto che questa puo’ contare su un apparato di risorse umane e tecnologiche di eccellenza.

A giugno la centrale operativa 118 di Empoli-Pistoia partecipera’ all’esercitazione di protezione civile denominata ”Piemonte giugno 2016”, che si svolgera’ a Torino e simulera’ un sisma con magnitudo 5.5 della scala Richter. Gli assessori all’Ambiente Federica Fratoni e al Diritto alla Salute Stefania Saccardi esprimono tutta la loro soddisfazione.

“È con grande orgoglio e soddisfazione che ho appreso dell’importante risultato ottenuto- dice l’assessore Federica Fratoni-, a conferma che la Regione aveva visto giusto nell’affidare a Pistoia prima la funzione di riferimento regionale per le maxi emergenze in ambito di protezione civile e poi a candidare la nuova centrale Empoli/Pistoia 118 a centrale remota operativa di soccorso sanitario per la protezione civile nazionale. Un grazie a tutti coloro che, con professionalita’ e competenza, hanno consentito che questo accadesse”. Per Saccardi, inoltre, e’ “un ulteriore riconoscimento dell’efficienza di questa centrale, alla quale gia’ era stato assegnato il coordinamento regionale della funzione sanita’ maxiemergenza. La centrale, inaugurata lo scorso dicembre, e’ un bellissimo esempio di tecnologia, competenza e collaborazione tra i nostri operatori e le associazioni di volontariato: un’eccellenza toscana, il cui valore e’ stato riconosciuto e premiato anche a livello nazionale”


Leggi news...

Ecco le linee guida operative per gli infermieri 118 Emilia Romagna. Pubblicati i Protocolli

INFERMIERISTICA 

Pubblicata il 14/05/16 09:20

La Regione Emilia Romagna, così come stabilito dalla Delibera 582/2016 pubblica i Protocolli infermieristici di riferimento per tutta la Regione per l’Emergenza Territoriale 118.

La notizia è del quotidiano on line Il Sole 24 Ore Sanità

I contenuti sono stati definiti da uno specifico Gruppo regionale di validazione, composto da professionisti che da anni operano a livello nazionale ed internazionale sulle più avanzate metodologie utilizzate nel campo degli interventi di emergenza.


Di seguito il testo del documento di presentazione dei Protocolli

 

Linee guida regionali per uniformare l’attività degli infermieri sui mezzi di soccorso attraverso l’armonizzazione dei protocolli avanzati di impiego di personale infermieristico adottati ai sensi dell’art. 10 D.P.R. 27 marzo 1992 per lo svolgimento del servizio di emergenza sanitaria territoriale 118.

 

Premessa

Il contesto della emergenza sanitaria territoriale si caratterizza per l’esigenza di garantire interventi tempestivi e qualificati sul territorio, assistendo fin da subito i pazienti sul luogo dell’evento e garantendo il loro trasporto con i mezzi più adeguati alla struttura sanitaria più idonea ad affrontare il caso.

Diapositiva 1La concreta realizzazione di tali finalità richiede l’ordinata messa in campo di risorse, capacità di coordinamento e competenze professionali e vede quale elemento irrinunciabile, tenuto conto della imprevedibilità degli eventi e della necessità di agire tempestivamente, la standardizzazione degli approcci e la disponibilità di istruzioni operative, procedure, protocolli e algoritmi.

Il percorso di miglioramento del livello di tutela in emergenza dei cittadini che si è realizzato in regione Emilia-Romagna, a partire dal Piano Sanitario Regionale 1999-2001, ha portato ad una progressiva standardizzazione di molteplici componenti del sistema a partire dalle Centrali Operative 118 e dalle caratteristiche dei mezzi di soccorso, per passare alla formazione degli operatori del sistema dei trasporti in emergenza, inserendo tali elementi nel contesto dell’accreditamento sanitario. Le presenti linee guida mirano ad estendere il processo di armonizzazione fino a qui realizzato ai protocolli avanzati di impiego del personale infermieristico per lo svolgimento del servizio di emergenza territoriale 118.

Tali protocolli, che sono stati sviluppati e vengono concretamente utilizzati nelle varie realtà territoriali regionali dagli anni 90, hanno rappresentato uno degli elementi qualificanti del sistema dell’emergenza-urgenza nella Regione, contribuendo a salvaguardare efficacemente la salute dei cittadini. L’esigenza attuale, in coerenza con il percorso di standardizzazione già realizzato per altre componenti del sistema, è quella di mettere a disposizione delle singole realtà territoriali linee guida di riferimento condivise a livello regionale che, fissando criteri e prospettando protocolli/algoritmi “standard”, creino un quadro istituzionale chiaro e coerente, al fine di agevolare l’ulteriore rafforzamento e diffusione delle procedure impiegate dal personale infermieristico e di instaurare i presupposti per la graduale armonizzazione di tale rilevante componente del sistema su base regionale.

Il presente documento rappresenta un punto di riferimento di livello regionale per i diversi soggetti coinvolti, primi fra tutti i medici responsabili dei servizi di emergenza territoriale, chiamati ad assumere decisioni in merito all’adozione dei protocolli di cui trattasi.

I protocolli/algoritmi allegati mirano a definire processi operativi standard, tecniche di intervento e schemi operativi di carattere generale, essenzialmente rivolti ad individuare le attività e le responsabilità dei vari operatori.

In alcuni casi, si rileva un livello di dettaglio maggiore (con indicazione su metodologie di intervento, valori, tempi, tipologia e quantità delle rilevazioni e delle somministrazioni, ecc.): tali indicazioni specifiche, comunque rese sulla scorta delle migliori pratiche rilevate, restano sottoposte alla valutazione ultimativa dei Responsabili dei servizi, la cui autonomia decisionale resta salva.

Il percorso di validazione seguito ha riguardato i protocolli e gli algoritmi, di cui all’allegato 1, sviluppati a livello tecnico regionale e non assume pertanto una valenza esterna rispetto al sistema di emergenza della regione Emilia-Romagna. Tenuto conto della estrema dinamicità che caratterizza l’emergenza territoriale, le presenti linee guida non intendono limitare l’elaborazione, da parte dei Responsabili dei servizi di emergenza, di ulteriori protocolli per il personale infermieristico in ambiti specifici. In tale ottica, la Regione definirà quanto prima i percorsi di valutazione e validazione della congruità delle procedure locali di elaborazione di protocolli in ambiti non oggetto del presente documento. Fino all’adozione di tali indirizzi integrativi, i Responsabili dei Servizi terranno in considerazione e potranno ugualmente attenersi ai riferimenti di carattere generale che possono desumersi dalle presenti indicazioni.

 

La metodologia

Nel corso del 2015, la responsabile del Servizio Assistenza Ospedaliera della Direzione Generale Cura della Persona, Salute e Welfare, ha avviato una ricognizione completa e dato vita ad un confronto tecnico in merito ai protocolli, procedure e algoritmi di gestione dei pazienti e delle procedure infermieristiche in essere nell’ambito dei sistemi di emergenza territoriale della regione Emilia-Romagna.

Il confronto tecnico ha coinvolto le diverse componenti professionali in rappresentanza delle diverse realtà territoriali, in primo luogo nella ricognizione dei protocolli in uso nella nostra regione. Tale ricognizione ha evidenziato l’esistenza di protocolli essenzialmente relativi a quattro tipologie di intervento:

1) lo screening pre-ospedaliero dei sintomi di alcune categorie di persone soccorse, con attività che si sostanziano nella raccolta di “segni e sintomi” o nel sottoporre il paziente ad alcuni esami (quali l’elettrocardiogramma, la cui refertazione in telemedicina è garantita da figura medica, nei pazienti con dolore toracico),per accelerare i tempi della diagnosi medica e/o indirizzare il paziente verso il centro di cura più adeguato (i c.d. ospedali “hub” per determinate tipologie di malattie);

2) la somministrazione precoce di farmaci salva-vita in pazienti con sindromi acute ed evolutive, in casi e con metodologie predefinite, quali l’abuso di oppiacei, l’ipoglicemia grave o le sindromi coronariche acute;

3) l’effettuazione di particolari manovre salva-vita in sede di primo intervento, in particolare per la gestione dei pazienti in arresto cardiaco, prevedendo fra gli altri il supporto alla funzione respiratoria anche mediante i c.d. “presidi sovraglottici”;

4) la somministrazione di farmaci antidolorifici in fase pre-ospedaliera a pazienti con dolore severo, misurato tramite scale “analogico-visuali”, così come raccomandato da linee guida nazionali e internazionali, con la finalità di intervenire tempestivamente sul dolore del paziente oltre che migliorare la gestione della fase pre-diagnostica del paziente permettendo, a sedazione o riduzione del dolore avvenuta, manovre e valutazioni che lo stato di dolore severo potrebbero compromettere e/o prevenendo danni secondari; La valutazione in sede tecnica dei protocolli ha condotto ad un giudizio largamente positivo, in merito alla validità e all’efficacia delle procedure contemplate, ai fini della riduzione dei tempi di intervento e del complessivo miglioramento della qualità dell’intervento sanitario in emergenza. La ricognizione ha inoltre evidenziato un significativo livello di sovrapponibilità fra le diverse realtà territoriali, evidenziando però alcune differenze sia relative alle singole tipologie che ad alcuni contenuti dei protocolli adottati. A partire da tali elementi è stato avviato un lavoro di predisposizione di protocolli standard e di individuazione dei criteri di congruità delle procedure infermieristiche con la disciplina della organizzazione della assistenza sanitaria nei sistemi di emergenza territoriale. Tale lavoro tecnico ha utilizzato come base i protocolli esistenti, la letteratura scientifica e le normative nazionali e regionali inerenti l’attività di emergenza.

Protocolli infermieristici

Leggi news...

28-29 Maggio riepilogo servizi: Esercitazione P.C., corsa podistica e settimana dello sport

CIVES_FIRENZE PROTEZIONE_CIVILE ESERCITAZIONE 

Pubblicata il 13/05/16 01:33

Durante l'ultimo fine settimana di maggio l'associazione sarà coinvolta in numerosi servizzi facciamo il punto della situazione:
ESERCITAZIONE PROTEZIONE CIVILE COMNUNE DI FIRENZE
28 Maggio orario 07.00 - 14.00 : n. 114 volontari + 3 infermieri CIVES utilizzabili per le seguenti attività:
- apertura PCA e segreteria Campo + consegna tesserini + logistica;
- COC funzione 4 -  Piazza Leopoldo;

- Cesi funzione 4 e TLC;
- presidio Piazza Vittoria;   
- presidio Ponte Alpini;
- presidio Viale Milton/Via Landino;
- presidio Via Landino/Ponte Rosso;
- chiusura barriere Barco;
- apertura ed allestimento aree di emergenza;
- supporto infermieri;

- simulatore e truccatore Liceo Dante;
- verifica soccorso numerazione civica interna;
- svuotamento piscina con idrovore;

CORSA PODISTICA SCATTA ALLE CASCINE
29 Maggio dalle 7:00 alle 14:00
si terrà a Firenze presso il parco delle Cascine la manifestazione “Scatta alle cascine”.  La manifestazione è un evento di solidarietà organizzato da numerosi club Lions e Leo del Distretto Firenze, e patrocinato dal Coni.
All’interno dell’evento sono previste: una feet walk di 7 km, una passeggiata di 2 km per le famiglie ed una corsa non competitiva di 12 km.
 
Il presidio sanitario sarà svolto da Anpas Zona Fiorentina  e CIVES Firenze con 2 infermieri CIVES sarà composto da:
-        1 PTS codici verdi al Piazzale delle Cascine (partenza e arrivo corsa),
-        1 ambulanza attrezzata UMS al Piazzale delle Cascine (partenza e arrivo corsa),
-        1 ambulanza APSD al Piazzale dell’Indiano (estremo del percorso),
-        1 ambulanza APSD al Piazzale Vittorio Veneto (estremo del percorso).

SETTIMANA DELLO SPOR a Marradi
29 Maggio dalle 8:00 alle 16:00
In occassione della manifestazione sarà garantito il presidio saniario dai volontari APR Marradi insieme a un infermiere CIVES

Leggi news...
TORNA SU